Google+LinkedInFacebook

Galisia 1944 – 2014

4B
 

La 4B: Michela Aimonetto, Luigi Azzolini, Edoardo Banche, Fabio Bertolino, Marta Cagna, Giorgio Calò, Asya Camoletto, Virginia Citraro, Giorgio Colombo, Ana Costantinovici, Martina Corino, Mattia Costantino, Clezia De Martino, Davide Fassino, Flavio Galaverna, Laura Gallinati, Anna Lacchi, Filippo Leone, Francesca Olivetti, Gianluca Orso, Martina Pivano, Arianna Pricco, Chiara Sarri, Camilla Trogolo, Federica Vecchio con le professoresse Claretta Coda e M. Elena Coha.

 
 
 
 
 

Rievocare, a distanza di settant’anni, le vicende della tragedia avvenuta al Colle Galisia, ove un gruppo di ex-prigionieri inglesi del campo di lavoro allestito a Spineto e di altri campi della pianura piemontese, accompagnati da alcuni partigiani, persero la vita nella tormenta o sotto le valanghe dopo aver superato il valico, poteva a prima vista apparire soltanto un’opera celebrativa priva di apporti umani e storico-culturali inediti.

L’occasione è stata invece offerta dagli studenti del Liceo Scientifico “Aldo Moro” di Rivarolo Canavese che, coordinati e incoraggiati dai loro insegnanti e seguiti dalla docente di inglese, Prof. Maria Elena Coha, nel contesto di un laboratorio storico-linguistico e di Educazione alla Cittadinanza hanno intrapreso l’opera meritevole di tradurre, per la prima volta in maniera integrale e fedele, il libro Alpine Partisan – The Survival of Troper Southon, pubblicato a cura del giornalista Vivian Milroy che ha raccolto la testimonianza diretta di uno dei pochi superstiti, l’inglese Alfred Southon. Pubblicato a Londra nel 1957, non fu mai tradotto integralmente: circolavano solo in fotocopie pochi esemplari di un dattiloscritto con la traduzione eseguita dal signor Giuseppe Fornengo che, come rivela lui stesso nelle poche righe di premessa ha “riportato in sunto tutte le memorie soffermandosi maggiormente sui più notevoli fatti relativi alla Resistenza” e sulle vicende vissute dal protagonista nel corso della traversata del Colle Galisia; inoltre erano state pubblicate nel tempo alcune pagine dei capitoli riguardanti la tragedia alpina, riportati in appendice a vari opuscoli e libri per lo più incentrati sulla Resistenza canavesana.

cop-libroIl volume di Southon si è invece rivelato molto più ricco e interessante, spaziando dalla guerra nel deserto dove venne fatto prigioniero, ai campi di concentramento italiani, alla fuga dal campo di Spineto e all’ospitalità ricevuta dai contadini locali, fino all’eroica sopravvivenza nella bufera, al salvataggio quasi miracoloso e al ritorno in patria dopo lunghe sofferenze. La traduzione si è rivelata di notevole impegno per l’uso frequente di parole dialettali e gergali, le battute umoristiche di interpretazione non immediata, i dialoghi non sempre scorrevoli, e ha impegnato gli studenti e i loro professori per tutto l’anno scolastico.
Per meglio inquadrare gli eventi descritti si rendeva necessaria quella che all’inizio avrebbe dovuto essere una semplice prefazione di approfondimento storico, affrontata dalla loro insegnante di Storia, Prof. Claretta Coda, che avvalendosi anche della collaborazione di altri studiosi, di testimoni e di soci del Centro Ricerche Studi Alto Canavese, ha raccolto sul territorio le ultime testimonianze della presenza di questi ex-prigionieri inglese e del Campo di Lavoro di Spineto.

Ne è nato un lavoro di ricerca, sia sul campo che sui documenti, che è progressivamente ampliato; i numerosi documenti giunti dall’estero, quasi tutti inediti, hanno permesso di approfondire l’argomento – fino ad ora trascurato dai ricercatori – con episodi della Resistenza visti da altri punti di vista.
Anche la tragica traversata del Colle Galisia del novembre 1944, dove quasi tutti i partecipanti persero la vita, con il naturale seguito di polemiche, congetture e ipotesi più o meno fondate, alla luce delle nuove documentazioni si è potuta analizzare in maniera più serena e obiettiva, in quella che riteniamo essere la sua giusta dimensione storica.
Così quella che sembrava dover essere una semplice premessa al libro tradotto si è rivelata uno studio esauriente, ricco di spunti e aperta a possibili sviluppi di indagini successive, sì da meritare uno spazio preciso ed autonomo.
I frutti di tutti questi lavori non potevano rimanere confinati ad una ristretta cerchia di studiosi, per cui il Consiglio Direttivo del CORSAC – Centro Ricerche Studi Alto Canavese – ha ritenuto giusto e meritevole affidargli alle stampe nella sua collana storica, considerando che bene si inseriscono nelle finalità culturali dell’Ente e contribuiscono a chiarire in modo più obiettivo  questo periodo storico che ha interessato in maniera così drammatica il territorio canavesano.

Il Presidente Giovanni Bertotti
locandina

Elezioni studenti Consiglio d’Istituto

10346048_767763993297177_4196497885696640531_nRisultano eletti:

Michele Depalma con 289 voti

Francesco Ferro con 279 voti

Manuel Palmieri con 231 voti

Giorgia Taramino con 202 voti

Buon lavoro ai nuovi rappresentanti e complimenti a tutti i candidati per le proposte avanzate.

Elezioni Consiglio d’Istituto

I candidati e le proposte delle tre liste – componente studenti

Lista n. 1

Lista1
Candidati:

Alice Marchesi, Martina Cicchirillo, Michele Depalma, Manuel Palmieri, Emma Merlin

Proposte:

Da sempre esiste la figura del rappresentate d’istituto ma negli ultimi anni, o almeno è l’impressione che abbiamo avuto noi, il dialogo tra rappresentanti e studenti è cambiato in peggio. Il rappresentante è una figura fondamentale per gli alunni, a maggior ragione della nostra scuola che è molto grande e a volte dispersiva, poiché il suo ruolo è quello di rappresentare appunto tutti gli studenti davanti al corpo docenti, ai segretari e al preside. Il rappresentante non deve essere vista come una persona, nel nostro caso quattro, estranea da tutto ciò che accade: è anche lui nel pieno della vita scolastica e nei problemi che crea, ed è quindi la figura che può meglio capirvi. Oltre ad organizzare feste o a riempire il vostro tempo libero con eventi ludici, il suo ruolo più importante è quello di chiarire e di spiegare tutto ciò che accade all’interno della scuola.

Uno dei nostri principali obbiettivi, quindi, è quello di migliorare il dialogo tra i rappresentanti e gli alunni. Per riuscire in questo abbiamo in mente numerose novità:
- creare un nuovo gruppo su Facebook invitando tutti i rappresentanti di classe ad aggiungere i compagni; ormai è la più veloce piattaforma di comunicazione esistente e ci sembra giusto sfruttarla al meglio per divulgare notizie e ricevere opinioni
- creare una “cassetta delle richieste”, ovvero una o più cassette poste all’interno della scuola dentro alle quali tutti gli studenti possono inserire commenti e proposte (anche in anonimato) che verranno poi da noi prese in considerazione e commentate nelle assemblee
- sfruttare maggiormente il giornalino scolastico per presentarvi attività, proposte o fatti che accadranno a breve dal momento di pubblicazione dell’articolo stesso, in modo tale che possiate decidere se aderire o meno. Questo sarebbe molto utile per chi non è iscritto a Facebook
- pubblicare i numeri di telefono dei rappresentati così da poter essere contattati direttamente e aumentare in questo modo il rapporto diretto e la collaborazione
- proporre al preside di sostituire l’assemblea, più o meno mensile, da un’ora con i rappresentanti di tutte le annate con un’assemblea di mezz’ora per ogni singola annata, sempre in modo da riuscire a esporvi meglio le nostre idee e i nostri progetti e da poter ascoltare con più calma i vostri dubbi, i vostri problemi e le vostre proposte.
Vorremmo anche creare delle nuove magliette per l’atletica, siccome quelle che si usano di solito sono un po’ datate, e proporre anche magliette e felpe (non obbligatorie, assolutamente) personalizzate con il logo e il nome dell’istituto per aumentare il senso di appartenenza alla scuola.
Organizzeremo durante l’anno scolastico alcuni contest, tra i quali:
- LOCANDINA PER LE FESTE
Il disegno che riceverà più mi piace sarà il protagonista della locandina per la festa e il vincitore entrerà gratuitamente
- DJ UFFICIALE DELLA SCUOLA
Tutti i dj che gli altri anni facevano comparsa alle feste sono usciti l’anno scorso, quindi è ora di scoprire nuovi talenti o chiunque sia appassionato di musica e capace di mixare un poco
- FOTOGRAFO UFFICIALE DELLA SCUOLA
Questo appassionato di fotografia immortalerà ogni momento di quest’anno scolastico, a partire dalle gare sportive fino alle feste, passando per le manifestazioni, autogestione, raccolta tappi e beneficenza.

Per riprendere il discorso foto e raccolta di ricordi dell’anno, avevamo pensato di introdurre il WONDERWALL.
Sarebbe una specie di bacheca posizionata nel muro che si trova di fronte al paninaro, nella parte subito dopo la passerella che collega itis e liceo. Su questa bacheca verranno appiccicate le foto più belle di tutti i maggiori eventi, ma anche pensieri, frasi che ci possono aiutare a ricordare quest’anno che passeremo assieme.

Da sempre la nostra scuola si trova a contatto con il mondo esterno tramite collaborazioni con numerosi enti. Cercheremo di migliorare la conoscenza che noi, studenti, abbiamo di queste associazioni e del loro operato, organizzando dei pomeriggi di approfondimento.
Si parlerà di Emergency, di Libera, di ANLAIDS, del lavoro dell’ASL di Ivrea nella nostra scuola e ci saranno degli incontri con ex tossico dipendenti ed ex alcolisti. Oltre a questi “formali” ritrovi, in caso di manifestazioni o scioperi saremo contenti di dibattere sul perché e sul come affrontare una situazione del genere; inoltre, come sempre, siamo aperti a vostre idee: quindi se qualcuno volesse discutere su qualche argomento particolare può tranquillamente dircelo e verrà organizzato un momento di incontro.
Metteremo a disposizione navette per Torino, in dipendenza dal numero di interessati, sia per manifestazioni, o per musei, mostre, spettacoli, ma anche per eventi più ludici come andare a ballare il sabato sera o concerti.

Per quanto riguarda l’AUTOGESTIONE assicuriamo che verrà fatta di un giorno. Non possiamo promettervi di riuscirne a fare una seconda o una di più giorni, anzi è molto difficile che il consiglio accetti una simile proposta.
Negli ultimi anni, soprattutto quello scorso, anche l’autogestione ha perso parte del suo vero significato diventando giornata di “non faccio nulla” per numerose persone.
Questo non è corretto e non è nello spirito dell’autogestione. Per questo quest’anno aumenteremo il servizio di sicurezza per la scuola: soltanto le persone autorizzate potranno uscire dalla classe e nessuno potrà saltare l’attività a cui si è iscritto se non per un motivo valido.

Come l’anno scorso verranno organizzati i tornei sportivi.
Proponiamo il torneo di calcetto e, in base a un sondaggio, si deciderà se a 5 o a 8. le modalità di iscrizione delle squadre rimangono uguali a quelle dell’anno precedente, quindi tramite Facebook o per messaggio a Manuel Palmieri. Alla squadra vincitrice verrà data una coppa e forse gli sarà concessa l’entrata gratuita all’ultima festa dell’anno, questo dipenderà dai rappresentanti in carica. Verranno anche poi scelti i 15 giocatori migliori del biennio e del triennio per una partita a fine scuola conto l’istituto “XXV aprile”. Verranno anche organizzati tornei di pallavolo e pallacanestro, in modo più serio rispetto all’anno andato, e nel caso aveste altre idee le accetteremo volentieri.
Come l’anno scorso verrà anche organizzata la partita di fine anno contro i professori: più che un evento sportivo e di grande competizione è un modo per ridere e divertirsi.
Volevamo anche proporvi una partita di calcio femminile, a fine scuola, non di grande impegno e che speriamo vi interessi.
Sempre per quanto riguarda lo sport avremmo altre proposte:
- MTB
- Ciaspolata
- Camminata
Queste tre escursioni verranno organizzate in periodi e stagioni diverse, con lo scopo di aumentare il contatto dei ragazzi con la natura e anche di provare esperienze diverse.
Inoltre vorremo proporvi l’ambizioso progetto “I RAGGI DELLA RUOTA”.
Questo cerca di invogliare i ragazzi ad utilizzare la bicicletta come mezzo alternativo a tutti quelli che sfruttano combustibili fossili, e quindi a rispettare l’ambiente. Tutti gli studenti che abitano nel raggio di 6 km dalla scuola possono aderire a questo progetto. Arrivati a scuola verrà fatto l’appello e verranno segnati chi vi è giunto in bici. Chi, a fine anno, avrà raggiunto il maggior numero di presenze riceverà una bicicletta come premio; inoltre ci saranno vincite minori anche per i non primi classificati.

Per quanto riguarda le feste d’istituto teniamo a ricordare che l’Aldo Moro è l’unica scuola che cerca di organizzare qualcosa nelle festività principali e che molti altri istituti si appoggiano a noi per questo tipo di divertimento.
Quest’anno ci impegneremo per continuare in questa tradizione apportando migliorie e innovazioni dove possibile. Sarà molto difficile separarsi dal K11 in quanto è il posto più economico e raggiungibile da tutti; la cosa che possiamo assicurare però è che in caso di raggiungimento di un adeguato numero di partecipanti verranno aperte le due sale e quindi si potrà variare un po’ di più nei generi musicali. Inoltre pensavamo di far girare dei questionari tra gli alunni per conoscere i gusti principali e cercare di accontentare il maggior numero di persone se non tutti.
Aumenteremo le decorazioni a tema, sia nella scuola sia nel locale, per creare proprio aria di festa.
Verrà organizzato il ballo delle quinte cercando di trovare una giusta via di mezzo, sia economica sia di stile. Non vogliamo sia la solita festa d’istituto, ma un po’ più elegante e particolare, in quanto conclude il percorso di studi all’interno della nostra scuola e quindi vogliamo sia un bel ricordo e accessibile a tutti.
Organizzeremo di nuovo la festa dei colori. Rispetto agli anni precedenti però, la battaglia verrà fatta al parco Malgrà in accordo con il comune che ci metterà a disposizione il palco. Questo sia per nostra comodità in quanto, poi, comunque, per tradizione, ci saremo spostati la, sia, in particolare, perché spesso il parco viene lasciato sporco e pieno di bottiglie dopo la battaglia dei gavettoni. La festa al Malgrà di fine anno deve essere un modo per divertirsi e salutare l’anno andato ed è giusto e civile lasciare il parco nelle condizioni da poterlo ancora chiamare parco.

Finendo la nostra presentazione ricordiamo a tutti che ogni attività deve essere accettata dal Preside e dal consiglio e che la figura dei rappresentanti fa parte di voi, ed è pienamente immersa nella vita scolastica.

Lista n 2

Lista2

 

Candidati:

Francesco Ferro, Giorgia Taramino, Andrea Querio, Alice Bogni.

Proposte:

Verrà fatto passare un questionario riguardante vari argomenti, dall’autogestione alle feste per sentire quali consigli hanno gli studenti da proporre

Concorso foto per l’annuario : la classe con la foto più divertente vincerà una gigantografia della propria foto di classe

Lezioni tenute da studenti di 4a e 5a nelle classi dalla prima alla quarta

Corso di politica per le classi quarte e quinte, per essere degni elettori

Corso di guida sicura per le classi quarte e quinte

Murales nel muro della palestra che da sul cortile dell’itis o in una zona a scelta interna alla scuola

Aula studio che rimanga aperta tutto il pomeriggio

Autogestione meglio organizzata per far si che non sia un giorno perso ma un giorno diverso

Corso di ballo durante l’orario di educazione fisica per le quinte in vista del “ballo delle quinte”

Liberazione : più tradizionale e meglio organizzata

Vestiti della scuola : oltre alle magliette vorremmo realizzare delle felpe esteticamente carine, così da essere indossate, se si vuole, anche per venire a scuola

Un’ora di assemblea al mese in cui gli studenti rappresentanti andranno nelle prime per aiutarli ad integrarsi con la scuola in se e evitare il “senso di smarrimento”

Feste : cercheremo altri posti anche se il k11 sembra ancora essere il più adatto, verrá introdotto nuovamente il concorso per la locandina : il migliore disegno a tema con la festa d’istituto sarà utilizzato come locandina per la festa e l’autore del disegno vincerà l’ingresso gratuito alla festa stessa

Corso di primo intervento

Festa dei colori a fine anno

Libera: Andrea contratto ci passa le proposte di libera e con lui parte già un percorso in una terza quattro quarte e una quinta organizzato dalla scuola, con noi invece contratto farà delle attività per il 21 marzo e altre occasioni

Essendo parte della classe che porta avanti l’iniziativa di emergency possiamo dirvi che  verrà fatto come sempre : 4 volte all’anno verranno vendute torte al prezzo di un euro per una fetta, tutto il ricavato andrà in beneficienza.

Lista 3

Lista3
Candidati:

Matteo Savi, Gloria Bracco, Carlo Cagna, Daniele Grosso, Alessia Spinoglio

Proposte:

AUTOGESTIONE: Due giorni almeno di autogestione, con attività suggerite da tutti gli studenti per coinvolgere tutti con attività costruttive creando percorsi di apprendimento alternativi e approfondendo argomenti di nostro interesse.
INFORMAZIONE: Incontri pomeridiani sui problemi inerenti alla scuola, in modo da poter raccogliere input ed esigenze per organizzare le nostre forme di protesta da portare in Consiglio d’Istituto.
ORIENTAMENTO UNIVERSITARIO: Per facilitare la scelta sull’indirizzo universitario proporremo incontri con professori e rappresentanti degli studenti universitari per fornire un quadro quanto più completo delle offerte formative di ogni indirizzo. Si cercherà di garantire la partecipazione a tali incontri anche delle classi quarte.
ASSEMBLEE D’ISTITUTO: Cercheremo di usufruire mensilmente dell’ora a disposizione per le assemblee, in modo da poter comunicare con tutti le tematiche e le problematiche riguardanti il nostro istituto.
AULETTA DEGLI STUDENTI: In quest’aula autogestita gli studenti potranno riunirsi, studiare insieme, dedicarsi alla lettura, tenere corsi pomeridiani. Nel Dpr 105/01 all’articolo 2 comma 1 è scritto:
“Gli istituti di istruzione secondaria di primo e secondo grado predispongono almeno un locale attrezzato quale luogo di ritrovo per i giovani dopo la frequenza delle lezioni”
COMUNICAZIONE: Proveremo a comunicare più frequentemente con voi, con la creazione di una nuova pagina Facebook “IIS ALDO MORO Rivarolo C.se 2014/2015” in modo da poter informare tutti dei fatti accaduti. Proporremo inoltre di creare e tener sempre aggiornata una bacheca dell’informazione a scuola, per noi studenti.
FESTE D’ISTITUTO: Come ogni anno, cercheremo di farvi divertire con feste organizzate approssimativamente per voi, cercando di rivoluzionare gli eventi passati.
TORNEI : Organizzare tornei di calcetto, basket e pallavolo. Diversamente dall’anno scorso cercheremo di portare al termine tutti i tornei. Cercheremo, inoltre, una locazione conveniente per lo svolgimento di tali.
IGIENE : Proporremo di munire i bagni di sapone e carta, affinchè possa rendere “più piacevole” il nostro soggiorno a scuola.
PUNTO DI RACCOLTA IDEA : Costruire una “buca delle lettere” per accogliere le opinioni degli studenti. Ci impegneremo a portare periodicamente le vostre idee al preside per discuterle.

Olimpiade della Fisica XXIX

Nuovo-4

Agli studenti del Triennio

Ci siamo iscritti alla gara d’istituto della Olimpiade Italiana della  Fisica XXIX edizione che si terrà giovedì 11 dicembre – prime due ore di lezione.

Contiamo nella numerosa volontaria partecipazione !

Informazioni sul sito AIF (Associazione per l’Insegnamento della Fisica).

Chiusura cancelli e divieto di fumo

A tutti gli studenti e alle loro famiglie
  a tutti i docenti
al personale ATA

Nel corso della seduta dell’ultimo Consiglio d’Istituto del 7 ottobre è stata presa in considerazione la situazione che si è venuta a creare durante l’intervallo del mattino. Molti ragazzi si ritrovano per fumare nell’area, esterna alla scuola, di fronte al cancello carraio dell’entrata della sezione tecnica. Inoltre, durante lo stesso periodo, approfittando della confusione che si genera, alcuni allievi si allontanano dalla scuola per farvi rientro solo ad intervallo terminato.

Per evitare il perdurare di queste pratiche assolutamente vietate il Consiglio d’Istituto ha deciso all’unanimità la chiusura dalle ore 11.00 alle ore 11.20 di tutti i cancelli esterni della scuola a partire da lunedì 20 ottobre 2014.

Durante questo periodo i cancelli potranno essere aperti solo per esigenze legate alla sicurezza e alle situazioni di emergenza.

Tutti i dipendenti dovranno tenere conto dell’orario di chiusura per entrare e uscire dall’istituto nel rispetto delle esigenze legate al proprio orario di lavoro.

Per quanto riguarda il divieto di fumare si ricorda che il Decreto Legge 12 settembre 2013 all’art. 4 (Tutela della salute nelle scuola), convertito con Legge 8 novembre 2013 n.128, stabilisce:

il divieto di fumo della Legge 16 gennaio 2003 n.3, art. 51

“è esteso anche alle aree all’aperto di pertinenza delle istituzioni scolastiche statali e paritarie.”

Come da disposizioni di legge vigenti, i trasgressori alle disposizioni di cui sopra sono soggetti alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 27,5 a euro 275.

Le infrazioni saranno contestate attraverso un verbale di accertamento redatto dal personale individuato dal dirigente scolastico con apposita determina.

Pertanto è assolutamente vietato fumare
in tutte le aree interne ed esterne di pertinenza della scuola.

I dipendenti della scuola che non osservino il divieto, in aggiunta alle sanzioni pecuniarie previste, possono essere sottoposti a procedimento disciplinare.

Gli studenti che non rispettino il divieto, in aggiunta alle sanzioni pecuniarie previste, saranno puniti anche con una sanzione disciplinare. Per la prima applicazione la sanzione disciplinare sarà di un giorno di sospensione con ovvie conseguenze sulla determinazione del voto di condotta. Nel caso di recidiva sarà il consiglio di classe a determinare sanzioni per periodi di sospensione maggiori ad un giorno.

Nel caso di alunni minorenni si procederà, inoltre, a notificare ai genitori l’infrazione della norma.

Ho fiducia nel fatto che tutti rispetteranno le disposizioni di legge, senza mai dover ricorrere alle sanzioni.

Il dirigente scolastico
firmato Alberto Focilla

Parte del personale della scuola

fotoPersonaleMoro_tagliata

Il Moro per Emergency

foto fAbbiamo portato  a Santena i ben 200 kg di tappi di plastica raccolti lo scorso anno scolastico, per il progetto per la raccolta di tappi e materiali in Plastica PE a sostegno di Emergency, per il Centro di Maternità di Anabah, in Afghanistan.

L’attività lo scorso anno è stata coordinata dalla attuale 5C ma dobbiamo ringraziare proprio tutti per la collaborazione!

La raccolta prosegue anche quest’anno – capofila la 4C – che ha proposto l’iniziativa: “Riempi il boccione e fai colazione!
Ecco la classifica aggiornata al 9 ottobre:

Classe Kg di tappi raccolti
1I 6,5
2H 5,0
1L 4,0
5C 3,0

Aggiornamenti in tempo reale e fotografie delle classi in classifica sul gruppo Emergency al Moro e sulla pagina facebook della scuola!tappi umb